C A R I C A M E N T O

Impianto di luce a pavimento

IMPIANTO ELETTRICO

IMPIANTO ELETTRICO QUANDO E A NORMA

impianto elettrico

Profilo a led a filo cartongesso

Un impianto elettrico a norma, in un ufficio, un’abitazione o in qualsiasi struttura, è una essenziale necessità per un corretto utilizzo di tutte le apparecchiature.

La mancata osservazione di alcune norme comporta non solo un mancato rilascio dei certificati ma è anche causa di molti gravi incidenti.

L’intera progettazione di un nuovo impianto elettrico deve essere affidata ad un tecnico abilitato.

Questo si occupa sia dell’adeguamento alle nuove esigenze domestiche e alle nuove normative che del completo rifacimento degli impianti.

Ad oggi l’impianto elettrico include non solo elettrodomestici e tv ma anche condizionatori, sistemi radianti di riscaldamento e raffreddamento, pc, sistemi di sicurezza e molto altro.

Si tratta di progetti che devono permettere un efficace funzionamento dell’intero sistema ed essere flessibili a successivi cambiamenti.

Per ottimizzare questa enorme struttura di apparecchi e renderla adattabile a cambi di destinazione d’uso  bisogna avere alcuni accorgimenti.

Una delle azioni più comuni è l’installazione di scatole da incasso in più punti della casa.

Oltre tutto permettere l’aggiunta di dispositivi secondari anche in un successivo momento.

Da che dipende la progettazione dell’impianto

Oltre che all’impianto di base esistente, anche dall’effettiva necessità del committente.

Un impianto a norma segue le direttive del D.M. 37/08 e i suoi successivi aggiornamenti.

Stabilisce non solo i criteri di definizione dell’impianto ma anche le figure professionali, i corsi di studio e gli attestati necessari per l’abilitazione al rilascio dei certificati.
Il decreto stabilisce anche la modalità per il rilascio della dichiarazione di conformità da parte dell’impresa installatrice, questo documento dovrà presentare tra gli allegati il progetto e il collaudo finale.

[Voti: 0   Media: 0/5]