QUALE BATTISCOPA SCEGLIERE

Un tocco finale da non sottovalutare

Il battiscopa collega in modo armonico i pavimenti e le pareti. Si tratta di un elemento da scegliere con cura in modo che si in linea con lo stile della casa senza incorrere in errori evidenti.

La funzione primaria del battiscopa è la protezione delle pareti dagli urti e dell’umidità di risalita, inoltre semplifica in modo evidente il processo di pulizia degli ambienti della casa oltre a donare agli ambienti e allo spazio un valore estetico da non sottovalutare.

Ad oggi sul mercato sono presenti svariati tipi di battiscopa con soluzioni in grado di soddisfare ogni tipo di necessità e di gusto.

A partire dal classico battiscopa in legno che può assumere qualsiasi tipo di forma e colorazione, in continuità con le porte o, sempre più comune, tinteggiato del colore delle pareti per mimetizzarsi e integrarsi al meglio con le pareti stesse, fino all’utilizzo di battiscopa dello stesso materiale del pavimento che sia gres, pietra o marmo.

A seconda del design della casa si può optare su forme delle più svariate, con gli spigoli arrotondati o vivi per uno stile più classico e con forme squadrate per gli ambienti più moderni. Inoltre anche le altezze possono seguire i gusti e le esigenze, ciò influenza in modo essenziale l’estetica complessiva della casa e la percezione spaziale. Le altezza standard sono dai 6 agli 8 cm, sempre più utilizzato è il battiscopa da 4 cm ma anche il 12 cm.

Il battiscopa filo muro

Una tendenza che sta prendendo sempre più piede nel mondo dell’interior design è invece il battiscopa filo muro. Si tratta di una soluzione molto elegante e minimalista, prevede un profilo base che viene inserito all’interno della muratura e permette il montaggio di un battiscopa incassato, il risultato è una parete continua da pavimento a soffitto senza rilievi. Questa tipologia è perfetta sia per pareti in cartongesso che in laterizio e consente la creazione di spazi continui e raffinati.

Il sistema assicura una massima igiene e inoltre permette di risolvere una questione da non tralasciare: l’accostamento degli arredi alla parete. Inoltre, grazie alle sue linee si adatta perfettamente a qualsiasi tipologia di porte, dalle classiche a battente o a scrigno fino alle scorrevoli esterne.

I materiali utilizzati per questa tipologia sono sicuramente l’alluminio anodizzato per il profilo, un materiale molto resistente che permette l’installazione di qualsiasi tipo di materiale.

E’ possibile installare infatti:

  • Il legno spesso utilizzato accostato a pavimenti in parquet, è un materiale sostenibile e resistente sia al tempo che all’umidità.
  • Il laccato, permette di creare continuità con gli arredi
  • Il gres, facile da pulire

Inoltre il battiscopa filo muro permette il montaggio di strisce LED ideali per effetti scenici e giochi di luce.

Quale colore scegliere?

La scelta del colore è generalmente dettata dal look e dal carattere che si vuole dare agli ambienti, optare per i battiscopa chiari è la soluzione perfetta per pavimenti  chiari, siano essi in legno, gres o pietra, soprattutto per ambienti dal design rustico o provenzale, ma anche per abitazioni più contemporanee; viceversa, quelli scuri invece sono più adatti ad ambienti dallo stile industriale. Un consiglio utile è scegliere un colore che sia il più possibile simile a quello delle porte per un effetto più equilibrato e per creare continuità in tutte le parti della casa, anche in ambienti con pavimentazioni diverse.

Il battiscopa è un elemento architettonico importante che disegna e definisce gli spazi in modo raffinato. È sempre utile affidarsi a un progettista di interni per farsi seguire e consigliare sulla scelta più idonea per lo stile della tua casa e per le esigenze di chi la abita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *