LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

IMPIANTI A NORMA

IMPIANTI

Gli appartamenti con l’ impianti che con il passare del tempo possono decadere portando a rotture e degradazioni.

È necessaria una manutenzione periodica che permette di evitare situazioni pericolose.

I principali impianti a cui bisogna fare attenzione sono l’elettrico, l’idraulico e l’impianto di riscaldamento.

IMPIANTO ELETTRICO

Per la realizzazione di l’impianto elettrico civile sono necessarie competenze tecniche.

Avete bisogno di un consiglio da parte di un esperto?

Chiamaci oggi 011 19764 913

Parla con un esperto

È necessario seguire la normativa considerando la pericolosità.

Le norme CEI infatti indicano che l’impianto può essere eseguito solo da un tecnico iscritto alla Camera di Commercio e ogni modifica deve essere eseguita da un tecnico abilitato.

Solitamente è incassato nelle pareti e si fa sia su nuove costruzioni o pure su le varie ristrutturazione.

I cavi corrono in tubolari in plastica che permettono il collegamento delle scatole di derivazione ma anche di prese, punti luci e interruttori.

I fattori che garantiscono la sicurezza sono l’impianto di messa a terra, la massa, e l’interruttore differenziale più comunemente chiamato salvavita.

Se il primo è porgettato come si deve si riduce il rischio di folgorazione.

IDRAULICO

L’impianto idraulico è composto da due sezioni distinte: una dedicata al rifornimento di acqua calda e fredda e una di scarico.

Questa seconda è suddivisa in scarico delle acque bianche e scarico delle acque nere.

Avete bisogno di un consiglio da parte di un esperto?

Parla con un esperto

Tutti i sanitari hanno un sifone che impedisce il reflusso e il collegamento ad acqua calda e acqua fredda.

Gli scarichi convogliano in un tubo unico che porta alla fognatura.

I tubi sono in acciaio zincato per gli interni, in resina termoplastica per gli esterni.

Le grondaie sono parte dell’impianto idrico e possono essere oggetto di intasamenti e rotture, è quindi necessaria una costante manutenzione.

RISCALDAMENTO

L’impianto di riscaldamento può servire più appartamenti con un’unica caldaia.

Questo può essere a pioggia e quindi l’acqua calda arriva dalla caldaia e sale fino alla parte più alta, successivamente riscende attraverso dei tubi che alimentano i radiatori.

Nell’ impianto a sorgente invece prevede la distribuzione dell’acqua calda con derivazioni multiple dal tubo di mandata. Questa tipologia di impianto è ideale con tubi in rame.